Emergenza COVID_19

AVVISO ALL'UTENZA - ACCESSO SALA STUDIO

Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza

epidemiologica da COVID-19

 

In base alle recenti disposizioni di cui all’art. 3 del Decreto-Legge 23 luglio 2021, n. 105, dal prossimo 6 agosto 2021, l’accesso all’Archivio di Stato di Fermo è subordinato alle seguenti condizioni:

  • completamento del ciclo vaccinale (monodose o bidose) per i successivi nove mesi;
  • somministrazione della prima dose di vaccino dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione e fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale;
  • effettuazione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo nelle 48 precedenti;
  • avvenuta guarigione da COVID-19, nei sei mesi precedenti.

Tali condizioni devono essere comprovate attraverso l’esibizione, in formato cartaceo o digitale, delle certificazioni verdi COVID-19 di cui all’art. 9 del Decreto Legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito con modificazioni dalla L. 17 giugno 2021, n. 87.

I visitatori sprovvisti di tale documentazione non avranno la possibilità di accedere alla struttura, ad eccezione dei soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale (minori di 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica.

Resta fermo l’obbligo dell’uso della mascherina all’interno delle sale a partire dai 6 anni di età e il rispetto del distanziamento interpersonale.

Restano inavraite le modalità di prenotazione del materiale e il posto in sala studio :

  • as-fm@beniculturali.it
  • 0734 228739


A seguito del DPCM del 03 dicembre 2020 contenente disposizioni in materia di emergenza epidemiologica Covid-19 si comunica che l'Archivio di Stato di Fermo sarà aperto all'utenza  solo su prenotazione dal lunedì al sabato rispettando il seguente orario 8,00 - 13,00.

Gli utenti per accedere all’Istituto dovranno sottoporsi a verifica della temperatura corporea che dovrà essere inferiore ai 37.5° e sottoscrivere l'autodichiarazione presente in sala studio. L’accesso alla sala  studio sarà possibile ad 1 persona alla volta che dovrà essere in possesso di mascherina da indossare senza soluzione di continuità sino all’uscita.

Per prenotare il materiale e il posto in sala studio contattateci :

  • as-fm@beniculturali.it
  • 0734 228739





EMERGENZA COVID-19

A seguito del DPCM del 3 novembre 2020 si comunica che l'Archivio di Stato di Fermo rimarrà chiuso all'utenza dal 5 NOVEMBRE AL 3 DICEMBRE 2020, salvo diverse disposizioni delle autorità competenti



NUOVO REGOLAMENTO DI ACCESSO

I giorni di apertura al pubblico della sala studio sono martedì e venerdì dalle 8 alle 15 previo appuntamento e prenotazione del materiale da consultare, si prega pertanto di prendere contatti  tramite e-mail : as-fm@beniculturali.it , oppure tramite telefono 0734 228739.


ALLA SALA STUDIO IN VIGORE DAL 18 MAGGIO 2020
In ottemperanza alle norme di contenimento e di gestione dell’emergenza epidemiologica in
corso e all’aggiornamento del DVR interno, questo Istituto ha stabilito come modalità di accesso alla
sala studio alcune norme:
- per qualsiasi tipo di attività è indispensabile prendere appuntamento preventivo tramite e-mail
all’indirizzo : as-fm@beniculturali.it

Sarebbe opportuno indicare nella mail la tipologia della ricerca: amministrativa o storica, illustrare
dettagliatamente il tipo di ricerca segnalando il recapito telefonico per essere agevolmente e
tempestivamente ricontattati.
L’ingresso presso l’Istituto sarà consentito solo se in possesso di dotazioni personali di sicurezza
(mascherina e guanti) e previa compilazione autodichiarazione.
L’accesso alla sala studio sarà limitato ad 1 utente alla volta, e sarà consentito in tempi limitati
esclusivamente per effettuare foto con mezzi personale o per il ritiro del materiale già preparato dal
personale dell’Istituto. È interdetto lo stazionamento e l’assembramento.
Non sarà possibile consultare gli inventari cartacei.
In caso di ricerca amministrativa è opportuno indicare la modalità di riproduzione preferita:
• fotografia con mezzi propri (gratuito);
• fotocopi o scansione (pagamento secondo tabella Ministeriale).
Si precisa che in caso di fotocopie verrà indicato per e-mail il costo del servizio congiuntamente alle
modalità per effettuare il versamento presso il conto corrente postale dedicato. Solo dopo aver
ottenuto la ricevuta di pagamento tramite e-mail, sarà possibile ritirare la documentazione richiesta
secondo l’orario indicato nella e-mail di risposta.

In caso di ricerca storica fornire tutti i dati e le informazioni utili per agevolare i funzionari archivisti
nel reperimento delle fonti che verranno sottoposte allo studioso per la sola riproduzione. . Ogni
studioso è tenuto a utilizzare solamente materiale proprio. Questo istituto non può fornire o prestare
materiale (penne, matite o materiale di cancelleria di qualsiasi genere)

In questa fase dell’emergenza non sarà possibile richiedere e consultare più di 1 pezzo al giorno.

Tutto il materiale movimentato sarà sottoposto a 10 giorni di quarantena prima di essere nuovamente consultabile.

Non sarà consentito l’uso dei bagni.

 

Pur consapevoli del grande disagio, cercheremo di essere rapidi nelle risposte e di non interrompere il servizio fornito.

 

   

Fermo, 15 maggio 2020                                                                    IL DIRETTORE

                                                                                                          Dott.ssa Francesca Mercatili



COVID-19 - INFORMATIVA PER UTENTI ESTERNI
Prima di accedere all’Istituto e durante la permanenza, tutto il personale esterno (fornitori,
visitatori, operatori di aziende in appalto, ecc.) deve prendere visione della seguente informativa
ed attenersi a tutte le indicazioni qui riportate.

  • È fatto obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre 37.5°) o di altri sintomi influenzali e deve chiamare il proprio medico di famiglia e l’Autorità sanitaria;
  •  E’ fatto divieto di accesso e/o permanere all’interno dell’Istituto laddove, anche successivamenteall’ingresso, sussistano condizioni di presunto contagio (sintomi influenzali con o senza febbre,provenienza da zone a rischio, contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti,ecc.) e comunque in tutte quelle situazioni in cui i provvedimenti dell’Autorità territorialmentecompetente impongono di informare il medico di famiglia e l’Autorità sanitaria e di rimanere alproprio domicilio.
  •  Si raccomanda alle persone ultrasessantacinquenni, o affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghiaffollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
  • È obbligatorio rispettera tutte le disposizioni delle Autorità e del Datore di Lavoro nel fare accesso all’Istituto, con particolare riferimento all’osservanza delle corrette prassi igieniche (lavare e/o igienizzare frequentemente le mani; evitare strette di mano, abbracci, coprirsi naso e bocca se si starnutisce/tossisce e poi igienizzarsi le mani, etc.) , al rispetto delle distanze di sicurezza (almeno 1 m), all’osservanza delle regole affisse nei cartelli informativi presenti nei luoghi di lavoro e riguardo all’uso dei DPI.
  • L’accesso agli spazi dell’Istituto deve avvenire indossando sempre la mascherina chirurgica, o FFP2/3 nei casi previsti e indicati, e guanti monouso;
  • L’accesso a locali e spazi chiusi, quando necessario, deve essere preceduto e seguito da una corretta igienizzazione delle mani con soluzioni disinfettanti.
  • La permanenza all’interno dell’Istituto dovrà limitarsi al tempo strettamente necessario per svolgere l’attività.
  •  Il personale esterno è autorizzato a frequentare solo gli spazi dove si svolge l’attività per cui è motivata la sua presenza, seguendo i percorsi indicati o preventivamente comunicati;
  • Gli spostamenti all’interno dell’istituto devono essere limitati al minimo indispensabile e nel rispetto delle misure igieniche previste dalla normativa vigente;
  • L’uso degli ascensori è limitato a specifiche necessità ed contingentato e ristretto ad un numerodi persone identificato in relazione alle dimensini della cabina e possibilità di mantenere le previste distanze di sicurezza. Laddove non sia possibile assicurare tale distanziamento l’accesso
    è consentito ad una persona per volta .
  •  Gli autisti esterni devono rimanere a bordo dei propri mezzi e non è consentito l’accesso
    all’interno degli uffici, se non muniti di apposita mascherina chirurgica e dopo avere igienizzato le
    mani, rispettando la distanza interpersonale di almeno 1 metro.
  •  Per le attività di approntamento di carico e scarico, il trasportatore deve attenersi alla rigorosa
    distanza minima di un metro ed indossare i DPI. Le operazioni di carico/scarico vanno eseguite
    all’esterno dell’edificio laddove possibile.
  • Provvedere allo smaltimento in proprio dei DPI utilizzati. Questi ultimi non devono essere lasciati
    all’interno dell’Istituto dopo l’uso; (oppure, Provvedere allo smaltimento dei DPI nei contenitori
    messi a disposizione all’interno dell’Istituto)
  • All’interno dell’Istituto è garantita la pulizia e la sanificazione periodica di tutte le superficie che
    vengono a contatto con le mani con particolare riguardo a maniglie, interruttori, maniglioni
    antipanico, macchinette distributrici di caffè o snack, ecc.
  •  Contattare direttamente il numero 112 (che valuterà ogni singola situazione e attiverà percorsi
    specifici per il trasporto nelle strutture sanitarie preposte oppure ad eseguire eventualmente i
    test necessari a domicilio) se si hanno sintomi influenzali o problemi respiratori febbre e/o tosse
    e se si è tornati dalla Cina o da altre zone con conclamata presenza di focolai epidemici da meno
    di 14 giorni.
  • Provvedere autonomamente alla segnalazione alle autorità sanitarie locali se si hanno avuto
    contatti con un caso risultato positivo dovranno.
Fermo, lì 15/05/2020
Il Datore di Lavoro
Dott.ssa Francesca Mercatili

DPCM 26.04.2020 -  Misure igienico-sanitarie:
1. lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre,
supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle
mani;
2. evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
3. evitare abbracci e strette di mano;
4. mantenimento, nei contatti sociali, una distanza interpersonale di almeno un metro;
5. pratica l’igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani
con le secrezioni respiratorie);
6. evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;
7. non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
8. coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
9. non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
10. pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
11. è fortemente raccomandato in tutti i contatti sociali, utilizzare protezioni delle vie respiratorie
come misura aggiuntiva alle altre misure di protezione individuale igienico-sanitarie

Lista

Es. Percorsi archeologici

Autore percorso

Mostre bibliografiche

a cura dell'ICCU